bambini stemma_europeo  stemma_italia  stemma_sardegna                                                        
Infanzia
Primaria
Secondaria di 1° grado
ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N° 1
"Giannino Caria"
M A C O M E R

Navigazione

ComunicazioniCircolari




 Home > Decertificazione


               Decertificazione

Semplificazione – Decertificazione

Al fine di favorire la corretta applicazione della più recente disciplina in materia di semplificazione e la completa decertificazione nei rapporti tra P.A. e cittadini, si ritiene utile fornire in questo apposito spazio una panoramica della normativa vigente in materia, corredata da direttive, circolari e note esplicative del Ministero per la P.A. e la semplificazione e del MIUR.

CHE COSA SI PUO’ AUTOCERTIFICARE

Il DPR 445/2000 prevede due tipi di dichiarazioni sostitutive:

  1. la dichiarazione sostitutiva di certificazione (art. 46, DPR 445/2000); - editabile
  2. la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (art. 47, DPR 445/2000). - editabile

La dichiarazione sostitutiva di certificazione (art. 46, DPR 445/2000) consente all’interessato di comprovare mediante dichiarazione sottoscritta i seguenti stati, qualità personali e fatti:

  • data e luogo di nascita;
  • residenza;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
  • stato di famiglia;
  • esistenza in vita;
  • nascita del figlio, decesso del coniuge, dell’ascendente o discendente;
  •  iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti dalle pubbliche amministrazioni;
  •  appartenenza ad ordini professionali;
  •  titoli di studio, esami sostenuti;
  • qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
  • reddito o situazione economica anche ai fini delle concessioni dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
  •  assolvimento di specifici obblighi contributivi con indicazione dell’ammontare corrisposto;
  • possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria;
  • stato di disoccupazione;
  • qualità di pensionato e categoria di pensione;
  • qualità di studente;
  • qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
  • iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;
  • situazioni relative all’adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio;
  • di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
  • di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;
  • qualità di vivenza a carico;
  •  tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri dello stato civile;
  • di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.

Per eventuali approfondimenti, indicazioni operative e aggiornamenti è comunque possibile consultare il sito del dipartimento della Funzione Pubblica








amministrazione_trasparente
    decertificazione



 
Sito realizzato da MVTrogu su modello  rilasciato sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia ·  
Se non diversamente specificato, le immagini e le foto sono di proprietà dei rispettivi autori
www.istitutocomprensivocaria.gov.it